Banca dati - Documenti recuperati

Il rubastino : periodico bimestrale de la Pro loco di Ruvo (1972:A. 4, mar.-apr., fasc. 2)

Scarica il file rivista 1972 n.2.pdf

TitoloIl rubastino : periodico bimestrale de la Pro loco di Ruvo (1972:A. 4, mar.-apr., fasc. 2)
Anno1972
LuogoRuvo di Puglia
AbstractLa rivista bimestrale “Il Rubastino” tra i vari articoli pubblicati nel secondo bimestre dell’anno 1972, ha dedicato due pagine al concittadino Carlo Boccaccio che trascorse oltre mezzo secolo nel Nord America ove fu nominato Membro d’Onore dell’Accademia Internazionale Mondo Libero per la pubblicazione del libro: “Io credo in Dio Patria Famigia”. Ricevette anche il plauso dell’Ambasciata Italiana a Washington, nel 1971, per il libro intitolato: “Nostalgia della mia Terra”, che gli procurò il titolo di Membro d’Onore della Presidenza, al Congresso dell’Accademia Internazionale, svoltosi a Roma dal 13 al 25 settembre 1971e venne premiato con la Penna d’oro”. In tale ultimo romanzo vi sono descrizione del Paese d’origine dello scrittore, ove Ruvo viene ricordata come “un bel paese nella sua veste verde della sua ubertosa campagna” e dove il Boccaccio si sente orgoglioso di essere nato e cresciuto e dove, grazie ai suoi genitori ha imparato ad amare la terra, la natura e i prodotti della fertile campagna. E di questa “nobile e fertile campagna” il Boccaccio descrive il suo clima salubre e sano, protagonista della sua fertilità e dell’offerta di molteplici prodotti ortofrutticoli. Viene descritta la campagna di Ruvo che abbracciava oltre 22.000 ettari di terreno arato, vangato e lavorato continuamente da braccia forti e laboriose dei contadini ruvesi che la amano perché riconoscente al loro duro lavoro. Viene descritta la notevole varietà di prodotti, tra i quali spiccano la frutta e le verdure di ogni genere e le caratteristiche di salubrità degli stessi. Si riporta parte del testo dell’articolo “Ruvo nei miei ricordi” pag 25 e 26 della rivista….”Ruvo produce …..frutta e verdure di tutte le qualità prodotti della fertilissima terra ruvese, gialla, argillosa, rossa, nera e sono prodotti anche dei muscoli e dei sudori dei contadini di Ruvo, i quali nutrendosi di questi frutti godono di una vita sana e lunga”
Urlwww.internetculturale.it
PartnerAGRIPLAN

« Back