Dalle popolazioni locali allo sviluppo dei mercati di nicchia

Il 09/08/2017, nell’ambito delle attività previste dal progetto BiodiverSO, è stata condotta una visita in diversi campi a Fasano dell’azienda Ortofrutticola Egnathia della famiglia fratelli Leggiero, accompagnati dal tecnico di campo Paolo Lioci (profondo conoscitore del territorio e delle popolazioni locali di ortaggi). Durante questa visita è stato possibile raccogliere i dati ed il materiale vegetale utile per caratterizzare le popolazioni locali di:

-pomodoro: Perino, Regina a “scrasc”, Regina con pizzo, Regina piccolo e Regina grande;

-melone immaturo: Spuredda e Scopatizzo.

Tra le tante informazioni raccolte si riportano quelle relative al pomodoro Perino, caratterizzato da un elevato contenuto di sostanza secca, trasformato in passata di pomodoro dalla stessa azienda e commercializzata con il logo “Miss freschezza” e venduta in mercati di nicchia per soddisfare i palati più esigenti (anche perché la produzione di pomodoro Perino è confinata in soli 3 ha).

Altra storia interessante è quella legata all’ampliamento del mercato per la commercializzazione delle cucurbitacee; infatti le popolazioni locali di melone immaturo, Spuredda (commercializzato come carosello striato) e Scopatizzo, sono ormai uscite, grazie ad una operazione di marketing e di etichettatura, dai confini regionali e nazionali.

Così come per lo Scopatizzo e la Spuredda, anche il pomodoro Regina ha goduto di un’attività di promozione, tant’è che viene venduto, ormai con volumi interessanti, presso la GDO in “ramasole”, che tengono insieme i singoli frutti, confezionate in vaschetta.

A cura di Donato Buttaro

Lascia un Commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

« Back