Conservazione “in vitro”

È un sistema di conservazione ex situ che prevede l’allevamento di cellule, tessuti e organi di specie vegetali in vitro in condizioni di asepsi (sterilità del materiale vegetale, degli ambienti e degli strumenti utilizzati), su terreni nutritivi a composizione chimica nota e in condizioni ambientali (luce e temperatura) controllate. Tecnica particolarmente indicata per la conservazione di alcune specie a propagazione vegetativa.

Fonte: Linee guida per la conservazione e la caratterizzazione della biodiversità vegetale, animale e microbica di interesse per l'agricoltura
« Back