MARU, il peperoncino in festa che coinvolge tutti

MARU è l’evento che l’Associazione Made in soap ha presentato alla comunità di Ruffano (LE) cinque anni fa, tra scetticismo e incredulità dei cittadini (per il tema quasi scontato!), e che ora è fortemente radicato nel sociale facendo emergere gusto, tradizioni, saperi ed economia locale attorno a questo curioso e gustoso ortaggio.

I tradizionali vardaceli (= vardanceli, diavulicchi, diaulicchi, tiaulicchi, pipi, …), ai quali sono abituati i contadini anziani, vengono ampiamente superati da specie di recente introduzione sia per piccantezza, che per forma, gusto e modalità di trasformazione. Dai comuni limitrofi e da tutto il Salento, numerosi artigiani convergono all’evento di Ruffano proponendo dal gelato, al pasticciotto con la crema piccante, all’olio aromatizzato, agli insaccati, alle conserve spalmabili e giardiniere sott’olio, tutto in una coreografia di dialoghi, canti popolari, degustazioni.

Il 30 agosto, nella caratteristica Piazzetta Giangreco, l’evento è stato introdotto da Dialoghi di MARU, un confronto tra i cittadini di Ruffano e rappresentanti di settore (Slow Food Sud Salento, Coldiretti, Confagricoltura, ARCI Lecce, Università del Salento) che operano sul territorio per la promozione dei prodotti locali e dei valori socio-economici ad essi collegati.
Molto attesa è stata la Gara di resistenza al piccante, che domenica 3 settembre ha visto 13 concorrenti cimentarsi nel graduale assaggio dei peperoncini più piccanti del mondo, e nella fase eliminatoria il Carolina Reaper, entrato nel Guinness dei Primati come il più piccante.

Lascia un Commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

« Back