È “Pizzutello” il pomodoro di Apricena

Il pomodoro, come la storia insegna, è una delle piante importate dal continente americano all’incirca 500 anni fa. Subito adattatosi al pedoclima della nostra regione, nel corso degli anni si sono sviluppati numerosi ecotipi agrari a seconda dell’areale di coltivazione.

Infatti, sono tante le varietà locali di pomodoro che caratterizzano la produzione della Puglia.  Ad Apricena è coltivata una varietà denominata Pizzutello, la cui caratteristica principale è l’apice a punta. Recuperato dal team dell’Istituto di Bioscienze e Biorisorse (IBBR) del CNR direttamente da piccoli agricoltori custodi di queste varietà, i quali hanno rivelato alcune particolarità di questo pomodoro.

Si riconoscono essenzialmente due tipi di questa varietà molto rustica, il “Pizzutello vernino” e il “Pizzutello rosso”. Tali pomodori vengono coltivati in pieno campo, anche in asciutto, conferendo al frutto un sapore molto gradevole e più marcato rispetto a quelli ottenuti da una coltivazione irrigata. Il pizzutello vernino, come si può intuire dal nome stesso, si presta bene alla conservazione naturale, per essere utilizzato in cucina nel periodo invernale.

I pomodori “Pizzutello di Apricena” sono stati coltivati nel campo sperimentale dell’IBBR e ne sono stati rilevati i caratteri principali, in modo da poter evidenziare le peculiarità di questi pomodori rispetto a tutti gli altri.

I dati di maggior interesse che caratterizzano queste due varietà di pomodoro, sono:

  • Forma ovoidale con apice a punta
  • Pericarpo spesso
  • Presenza di solo 2 logge
  • Bacca compatta
  • Peduncolo caratterizzato da uno strato di abscissione
  • Accrescimento della pianta indeterminato
  • Foglie bipennate
  • Fioritura precoce
  • Maturazione medio/tardiva

 

In collaborazione con Salvatore Cifarelli, Francesco Losavio, Paolo Direnzo, Antonio Quattromini

 

Lascia un Commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

« Back