Proseguono le attività di conservazione ‘in situ’ presso la cooperativa Solequo (2 di 5)

Varietà di peperoni dolci e piccanti

Presso la cooperativa Solequo sono coltivate e ‘custodite’ alcune varietà locali di peperone, dal peperoncino piccante ‘zéfferine’ di Ostuni, ai peperoni dolci ‘cornetto di Ostuni’, ‘cornaletto di Francavilla’ e ‘cornetto leccese’. Antonio Capriglia, presidente della cooperativa, ci ha fornito alcune informazioni interessanti su queste varietà in conservazione.

La coltivazione delle varietà ‘dolci’ di peperone (ostunese, francavillese e leccese) è partita da uno screening varietale fatto dalla Solequo negli anni passati su vari tipi di ‘cornetti’ recuperati da orticoltori o vivaisti locali; è stato osservato che molte di queste tipologie sono abbastanza simili tra loro, e riferibili alla tipologia morfologica dei cosiddetti ‘corni di capra’. Si tratta di piante in genere molto vigorose e produttive, coltivabili senza grosse difficoltà, e per le quali la cooperativa sta procedendo ad un’attenta selezione delle piante ed alla riproduzione dei semi.

Alcune varietà di peperone coltivate presso i campi della Solequo: da sinistra, ‘cornetto leccese’, peperoncino ‘zéfferine di Ostuni’ e ‘cornaletto Francavillese’

Il ‘cornetto di Ostuni’ (‘lu curnalett’, nel dialetto locale) è un peperone dolce, molto produttivo, di media lunghezza, leggermente curvo, che viene raccolto quando è ancora verde; a fine ciclo sono raccolti anche quelli rossi e normalmente destinati a preparare la classica ‘peperonata’, detta ‘u p’pone’ (peperoni schiacciati, conditi con sedano ed aglio, conservati sott’olio). Il ‘cornaletto di Francavilla’ ed il ‘cornetto leccese’, invece, sono varietà fornite originariamente dall’Ortovivaistica Vecchio di Francavilla Fontana. Il ‘cornetto di Francavilla’ è simile a quello di Ostuni, ma è più lungo e dritto, molto produttivo ed interessante da un punto di vista qualitativo. Il ‘cornetto leccese’ è della tipologia ‘corno di toro’, di media lunghezza ma più grosso rispetto agli altri due cornetti; la pianta si presenta compatta e molto produttiva.

Il peperoncino piccante ‘zéfferine’ di Ostuni è una varietà tipica che presenta il carattere ‘piccante’ ad un livello medio. La pianta è compatta e molto produttiva, poco esigente sia in acqua che in nutrizione. I fiori e i frutti sono riuniti in grappoli con internodi molto corti. I peperoncini si presentano di forma lunga e stretta e solitamente si raccolgono con il taglio della pianta quando il 50% dei frutti ha raggiunto la colorazione rossa: le piante si conservano appese in cantina, impiegando i frutti al bisogno. Una curiosità: per gli ostunesi quando si parla di peperoncino ci si riferisce a ‘lu z’ffrine’, non ve ne sono altri.

A cura della Cooperativa AGRIS

Lascia un Commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

« Back