Assuntina e il Pomodoro di Nardò

Andiamo a trovare Assunta e suo marito Antonio in una calda mattina di sole grazie a Tiziana, la nostra informatrice su Nardò: Assuntina, ci dice, oltre ad essere un pozzo di conoscenza, è anche una signora molto disponibile.

Assunta e Antonio ci accolgono come amici di vecchia data e, mentre sorseggiamo un caffè, rispondono a tutte le nostre curiosità con precisione e puntualità. Il motivo principale per cui ci rivolgiamo a loro è la ricerca di una varietà di pomodoro tipica del territorio neretino, storicamente votato all’agricoltura e, in particolare, all’orticoltura e alla produzione di meloni e angurie.

Assuntina ci racconta che qui effettivamente si produceva una varietà pomodoro: suo padre, coltivatore diretto, ne coltivava tanti, che poi smerciava sul mercato locale. Li produceva in zona S. Isidoro, vicino al mare, dove esistevano i pozzi che ne permettevano una minima irrigazione. Minima, perchè questo pomodoro si produce in seccagno, ed è questa una caratteristica estremente interessante. Tuttavia, per crescere bene senz’acqua, ha bisogno di un terreno drenante, come quello di “Zona Dama”, dove tuttora il fratello di Assuntina continua a coltivarlo. Il padre di Assunta soleva proteggere le giovani piantine appena messe a dimora con dei rametti di timo, che nella zona cresce rigoglioso e spontaneo, per evitare che il vento le spezzasse e il troppo sole le avvizzisse.

A Nardò si festeggia San Gregorio Armeno, a febbraio, ed è proprio questa stazione calendariale a indicare il periodo ottimale in cui il pomodoro neretino va seminato e, dopo il trapianto che si effettua all’incirca a marzo, è pronto per essere raccolto intorno a luglio.

Chiediamo quali sono alcune caratteristiche di questo pomodoro: pare che possa essere sia completamente tondo oppure presentare anche “la punta”; ricco di semi, resiste molto al caldo. La produzione è minore, ad esempio, del tombolino ma «quello ha bisogno di un sacco di cure!» – ci dice Assunta.

Lei e suo marito Antonio continuano ad andare in campagna e a coltivare pomodori sia estivi che invernali. Ci dicono che entrambi vanno rincalzati per ottimizzare la crescita e la resa della pianta: quelli estivi si rincalzano quando cominiciano a formare i fiori, quelli invernali non appena la pianta «comincia a star su ben dritta sullo stelo».

Come ultima domanda chiediamo di altre colture tradizonali come la famosa Anguria di Nardò, verde scuro fuori e rosso fiammeggiante dentro, oramai introvabile. Purtroppo nemmeno loro sanno fornirci molte informazioni riguardo questa varietà che ricerchiamo ormai da tempo senza successo.

Salutiamo Assunta e Antonio ringraziandoli del prezioso contributo e della grandissima disponibilità e gentilezza.

IMG_6861

 

3 Commenti su “Assuntina e il Pomodoro di Nardò”

  1. Avatar
    Manuela

    Fate un lavoro davvero importante. Vi ringrazio per questo bellissimo progetto perché ci fa sperare che il futuro possa promettentci qualcosa di meglio del TTIP.

    Rispondi
  2. Avatar

    Grazie per tutto quello che fate..e grazie a coloro che ogni giorno con tanta fatica mantengono in VITA queste colture preziose. Ancora grazie!

    Rispondi

Lascia un Commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

« Back