BrevetTIAMO?

Ma secondo voi è giusto che una nuova varietà, ottenuta magari con tecniche essenzialmente biologiche, ad esempio per incrocio e/o selezione, possa essere brevettata?

È già successo. La convenzione europea sui brevetti esclude la brevettabilità di “varietà di piante o animali o procedimenti essenzialmente biologici per la produzione di piante e animali” ma la Camera allargata di appello dell’European Patent Office, chiamata ad esprimersi nei procedimenti di ricorso contro i brevetti rilasciati nei primi anni 2000 a una varietà di cavolo broccolo ed una di pomodoro, il 25 marzo scorso, ha sancito che dalla brevettazione sono esclusi i procedimenti biologici ma non il loro risultato, cioè le nuove varietà.

Alcuni sostengono che questa decisione aiuterà gli scienziati ad ottenere gli investimenti necessari per mettere a disposizione dei consumatori le loro innovazioni, altri, invece, ritengono che tutto ciò che è biologico, naturale non si deve brevettare, non deve essere finalizzato ad un ritorno meramente economico. Biodiversità è profitto o libertà?

Lascia un Commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

« Back