Dimostrata la capacità del Pomodoro di Manduria di resistere ad un pericoloso virus

Un altro importante risultato del progetto BiodiverSO.

La rivista PLOS One (ranking delle riviste del settore Q1 – la più alta -, Impact Factor 3.24) ha accettato di pubblicare il lavoro “Grafting on a non-transgenic tolerant tomato variety confers resistance to the infection of a Sw5-breaking strain of Tomato spotted wilt virus via RNA silencing” scritto da Roberta Spanò, Tiziana Mascia, Richard Kormelink, Donato Gallitelli.

Nel lavoro si dimostra la tolleranza a ceppi di TSWV in varietà commerciali di pomodoro quando le piante, al cui prodotto è interessato l’agricoltore, vengono innestate su piante della varietà locale Pomodoro di Manduria.

Ovviamente, nel lavoro si fa esplicito riferimento al progetto BiodiverSO, che ha promosso e finanziato la ricerca, e si esprimono ringraziamenti a Giovanni Corrado per aver procurato le accessioni di pomodoro utilizzate.

Per saperne di più sul lavoro svolto dal gruppo del prof. Donato Gallitelli e dal partner del progetto Corrado, leggi quanto avevamo riportato in un precedente articolo.

Lascia un Commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

« Back