Il nome è già una delizia: Cimamarelle (l’ultima “e” è muta) in provincia di Foggia, Cimamaredde a T…

Il nome è già una delizia: Cimamarelle (l’ultima “e” è muta) in provincia di Foggia, Cimamaredde a Taranto, Cima maredde nel Salento. Si tratta della Sinapis arvensis L.. Le cime (le infiorescenze) e le foglie vengono lessate e, insaporite con condimenti piccanti, saltate in padella con la pasta (con olio d’oliva extravergine in cui si è fatto soffriggere aglio, peperoncino e mollica di pane casereccio molto raffermo). La si rinviene inselvatichita un po’ dappertutto, nei campi incolti e ai margini di quelli coltivati, dalla pianura alla collina. Si utilizzano anche i semi maturi essiccati. È l’elemento essenziale della nota salsa piccante che si aggiunge a piatti di carne o pesce. Secondo alcuni, le Cimamarelle sono più gustose dei Marasciuli. Entrambi comunque prodotti agroalimentari tradizionali della Puglia grazie a BiodiverSO.




Fonte

5 Commenti su “Il nome è già una delizia: Cimamarelle (l’ultima “e” è muta) in provincia di Foggia, Cimamaredde a T…”

« Back