Lo sponzale che non ti aspetti

Molto utilizzati nella cucina povera contadina, gli sponzali vengono utilizzati sia crudi che cotti ed oggi rappresentano uno degli ingredienti tipici della cucina regionale.

Gli sponzali crudi sono ideali per dare una marcia in più alle insalate verdi, di misticanza o in abbinamento ai pomodorini, grazie al loro sapore più o meno dolce ma pur sempre molto deciso. Oltre al consumo crudo, non si può fare a meno di citarli come ingrediente per la realizzazione del famoso calzone e di altri piatti della tradizione gastronomica pugliese: si accompagnano delicatamente con le cime di rapa stufate, con il paté di ceci neri oppure come prodotto sott’olio e sott’aceto.

Avete poco tempo e non sapete cosa cucinare per pranzo? Spaghetti, sponzali e peperoncino, un piatto semplice e gustoso in alternativa alla ben più conosciuta pasta aglio, olio e peperoncino.

Un piatto tipico della cucina contadina pugliese è rappresentato dagli sponzali al forno, che si preparano disponendoli su una teglia unta con olio extravergine d’oliva ed aggiungendo sale, pepe e qualche goccia d’aceto. Si spolvera con abbondante pangrattato e poi si cuoce in forno finché non si forma una crosta dorata.

In Puglia, gli sponzali vengono tradizionalmente utilizzati anche per la preparazione di frittate e frittelle o per la realizzazione del “baccalà con gli sponzali”, con diverse varianti mediante l’aggiunta di altri ingredienti come patate, pomodori secchi, capperi, uva sultanina.

Ad Aradeo (LE) si prepara lo “Scattariciato”, un piatto tipico che prevede, oltre all’utilizzo degli sponzali, i Pomodori gialli d’inverno, una tipologia di pomodoro da serbo utilizzato per realizzare “La Penda”. Si utilizzano anche i capperi, le olive verdi snocciolate, olio extravergine d’oliva, peperoncino ed origano.

È possibile preparare anche un paté fatto con sponzali e olio extravergine d’oliva, un connubio perfetto da spalmare su crostini di pane abbrustolito.

Sponzali per tutti i gusti e per tutte le portate, quindi, tanto da poter essere utilizzati dall’antipasto all’agro… dolce, anche in conserve.

 

Riferimenti bibliografici:

Renna M., Santamaria P., 2017. Presi in Ortaggio. Otto prodotti straordinari della biodiversità pugliese. Università degli Studi di Bari Aldo Moro, Bari.

Lascia un Commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

« Back