I pomodori Karadrà di Aradeo

Una caratterizzazione preliminare dei pomodori ‘Karadrà’, varietà da serbo coltivata presso Aradeo (Lecce), è stata condotta attraverso analisi spettrofotometrica e HPLC con lo scopo di verificare il contenuto dei carotenoidi, composti tipicamente presenti nella bacca di pomodoro, ed il contenuto zuccherino dei pomodori maturi.

Riguardo al contenuto totale dei carotenoidi, che comprendono diverse tipologie di composti, tra cui diverse isoforme del carotene ed il licopene, l’analisi spettrofotometrica è stata condotta in particolare su campioni di pomodoro con buccia di colore giallo, arancio e rosso (Figura 1). I tessuti freschi sono stati campionati e su di essi è stata effettuata l’estrazione dei carotenoidi totali. L’analisi spettrofotometrica ha messo in evidenza un contenuto di carotenoidi totali sui campioni di pomodori ‘Karadrà’ di Aradeo più basso rispetto a quello dei pomodori della varietà commerciale ‘Money Maker’ che forma bacche di pezzatura media per il consumo fresco (Figura 2).

Successivamente è stato valutato il contenuto del principale composto tra i carotenoidi, il licopene, tramite HPLC sui frutti interi di pomodoro. Rispetto ulla cultivar di controllo ‘Money Maker’, gli estratti di pomodoro ‘Karadrà’ hanno mostrato un contenuto di licopene non significativamente diverso  (Figura 3).

Riguardo al contenuto zuccherino, una prima stima è stata effettuata attraverso la misurazione dei solidi solubili totali (espressi come gradi Brix) sui frutti maturi, utilizzando un rifrattometro. La misura è stata condotta a temperatura ambiente su estratti acquosi di pomodoro, non filtrati, dal momento che generalmente la procedura di misurazione prevede l’utilizzo del succo fresco del frutto. Questa valutazione ha evidenziato una riduzione significativa (P<0,05) dei gradi Brix rispetto alla cultivar di controllo ‘Money Maker’ (Figura 4). Successivamente è stata effettuata l’analisi HPLC per determinare il contenuto dei principali zuccheri monosaccaridi, in particolare glucosio e fruttosio. Anche questa analisi ha confermato la riduzione della quantità di zuccheri esosi, non significativa per il fruttosio ma significativa per il glucosio (P<0,05) (Figura 5).

I dati ottenuti rappresentano un passaggio importante sia per il metabolismo primario che soprattutto secondario nel frutto di questa varietà di pomodoro. La caratterizzazione proseguirà con l’analisi del contenuto di acidi fenolici, e di altri polifenoli quali quercetina e kampferolo che potrebbero contribuire ad un migliorato valore nutrizionale per questa varietà locale pugliese.

        

 

 

2 Commenti su “I pomodori Karadrà di Aradeo”

  1. Avatar
    Maurice Atkinson

    I used to live near Aradeo and visited the people at Karadra to see these tomatoes growing without water. They kindly gave me some tomatoes and I now use these seeds to grow my own. I now live near Locorotondo and this will be my second year of growing these tomatoes. I find them great for making passata.

    Rispondi
    • Angelo Signore
      Angelo Signore

      Dear Maurice,
      thanks for your post.

      Do you have any pictures that you could send to us for our website? Moreover, would you write the recipe of your “past” via this link ?

      Rispondi

Lascia un Commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

« Back