Rape e fagioli: il cruccio di Bertoldo

Un piatto forte della nostra gastronomia celebrato in un racconto di Giulio Cesare Croce.

Ha radici antichissime una preparazione contadina a cui i pugliesi difficilmente sanno rinunciare: rape e fagioli. Ne parla Giulio Cesare Croce nel suo “Le sottilissime astuzie di Bertoldo” (1606).

La storia, detta in breve, racconta di un saggio contadino, Bertoldo, che re Alboino volle tenere accanto a sé come consigliere. Ma Bertordo non era uomo di corte ma uomo di campagna e così mai riuscì ad adattarsi alla vita di palazzo.  Gli mancavano la zappa, la terra e i cibi semplici della tradizione contadina (soprattutto rape e fagioli), ma il re non se ne rese conto. Così Bertoldo finì per ammalarsi.

Dice il Croce: “I medici non conoscendo la sua complessione, gli facevano i rimedi che si fanno alli gentiluomini e cavalieri di corte; ma esso, che conosceva la sua natura, teneva domandato a quelli che gli portassero una pentola di fagiuoli con la cipolla dentro e delle rape cotte sotto la cenere, perché sapeva lui che con tal cibi saria guarito; ma i detti medici mai non lo volsero contentare. Così finì sua vita con questa volontà…”

Solo allora il re capì quant’era stata dura per il suo fido consigliere rinunciare alla vita e al cibo a cui era abituato e così dispose che sulla tomba di Bertoldo fosse scritto con caratteri d’oro questo epitaffio:

In questa tomba tenebrosa e oscura,

giace un villan di sì deforme aspetto,

che più d’orso che d’uomo avea figura,

ma di tant’alto e nobil’intelletto,

che stupir fece il Mondo e la Natura.

Mentr’egli visse, fu Bertoldo detto,

fu grato al Re, morì con aspri duoli

per non poter mangiar rape e fagiuoli.”

Mi pare ora appena il caso di far notare una raffinatezza di Bertoldo: lui le rape le voleva cotte sotto la cenere. E vi garantisco, per esperienza personale, che son tutt’altra cosa. Le ricordo benissimo quando, d’inverno, di primo mattino, i contadini accendevano il fuoco con le fascine di olivo per riscaldarsi un po’ e consumare una frugale colazione accompagnando il pane con una manciata di olive nere e qualche cima di rapa infilando le une e le altre sotto la cenere. Una vera delizia.

Va detto però, in tutta onestà che le rape a cui fa riferimento il Croce non è chiaro se siamo  proprio le nostre “cime di rape”. È probabile, infatti, che si tratti delle rape rosse o di quelle bianche che in molti luoghi d’Italia sostituiscono le nostre cime nell’abbinamento con i fagioli. A noi piace pensare che si tratti delle nostre “cime di rapa”, ma forse siamo partigiani. Poco importa, comunque, che si tratti delle une o delle altre: l’abbinamento con queste o quelle è davvero sempre assai gustoso.

Lascia un Commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

« Back